Vai alla versione inglese del sito
contatti vai all' home page
 

“Ho trascorso una vacanza estiva dalle infinite sensazioni; mi svegliavo su un dedalo di ripide viuzze unite le une alle altre, mi sentivo accolto e protetto dal cinguettio degli uccelli e dal rumore rassicurante della risacca …. “. Qui il tempo è scandito dal movimento del sole: dai primi bagliori del mattino, ai riflessi tenui del giorno e ai tramonti rossastri sul mare. Il clima mite e il paesaggio incantevole, rendono Maratea una meta molto affascinante anche durante le stagioni intermedie. L’autunno e la primavera sono decisamente i periodi più indicati per vivere suggestive emozioni lungo i sentieri che si inerpicano verso la montagna brulla e, a tratti, boscosa, per poi, riscendere a valle e proseguire l’escursione della frastagliata costa. Un soggiorno a Maratea può divenire un’ occasione per visitare dei luoghi affascinanti, dalle potenzialità spesso poco conosciute. Inoltrandoci all’ interno della regione, osserveremo un territorio prevalentemente montagnoso, alle cui pendici, sono arroccati caratteristici “paesi-presepio”, ciascuno con la sua storia, le sue chiesette segnate dal tempo, le coloratissime feste religiose, i ritmi lenti , sapori e odori che generano un’ atmosfera in qualche modo fuori dal tempo. E’ possibile raggiungere in meno di un’ora il comprensorio sciistico di Sirino-Monte Papa. Procedendo verso il confine con la Calabria si può visitare il Parco Nazionale del Pollino, 192.565 ettari di natura incontaminata con caratteristiche ecologiche fra le più interessanti d’Europa. Raggiungendo il comune di Latronico, dalla primavera all’autunno inoltrato, è possibile frequentare le sorgenti termali che dispongono di attrezzati centri benessere. Durante tutto l’anno ci si può dedicare a numerose attività sportive a diretto contatto con la natura: equitazione, escursionismo, arrampicata, rafting e parapendio e naturalmente, è quasi d’obbligo, esplorare i bellissimi fondali.